“6.0” DI GASTONE CAPPELLONI

Quel divano a scacchi

A cura di Inma J. Ferrero

Traduzione di Elisabetta Bagli


Leggere un libro di poesie significa immergersi nell’anima stessa, significa naufragare al bordo di ogni verso in attesa di una salvezza che potrebbe non arrivare mai. “6.0” è una raccolta di poesie che parla d’amore, di passione, di nostalgia, di una vita vissuta che si estende in ognuna delle poesie che lo compongono. Ed è questo modo di scrivere, delicato e trasparente, ciò che rende Gastone Cappelloni, un poeta unico nel trasmettere sentimenti allo stato puro e libero da ogni artificio. “Chi apparterrà / al tempo che non esiste?”.

Il poeta marchigiano riesce a far rivivere in noi il germe di quelle storie che ci sono state tramandate e che hanno lasciato le loro tracce ben marcate nella nostra essenza. Perché ci hanno condotto all’insonnia e con lei ci hanno portato a essere lucidi nelle nostre domande su chi siamo e dove siamo diretti. “Non ci sono amori sbagliati …” “Il rimorso della vecchia partenza”.

“6.0” è una silloge composta da poesie brevi che conferiscono maggiore agilità e movimento al verso. Privo della maschera della retorica, Gastone Cappelloni ci presenta in ogni poesia un po’ del suo essere più intimo, adoperando allo scopo un linguaggio puro, semplice e facilmente comprensibile. Proprio tale caratteristica fa sì che il lettore, che si approccia ai suoi versi, possa godere di una lettura scorrevole e senza alcun ostacolo che possa distogliere la sua attenzione dalla poesia. Il poeta usa un tono diretto, accompagnato da un verso scevro di ornamenti, ma pieno di idee e di una commovente sincerità che si può riscontrare in ogni pagina del libro. “Non mi aspettare / dove le violette si posano / sugli occhi …” Nelle poesie di 6.0 si può apprezzare anche uno spiccato gusto per la natura e la capacità del poeta di soffermarsi e  andare  oltre a ciò che in lei risulta essere apparentemente più mite, più fugace, più insignificante. “… con gli autunni invernali / spettinandosi / con la brezza delle cortecce.” Questa è una silloge piena di sfumature, di colore e dalla cadenza raffinata, una silloge nella quale si osserva un equilibrio tra i versi più tangibili e duri con la tenerezza delle immagini che non lasciano il lettore alle indifferente.

In tutta la silloge asume molta rilevanza importanza anche la tematica amorosa, relativa soprattutto alle donne, alla loro sensualità “Donna, / Ti vestirò ogni giorno / di chimere insonni” “Femminilità vitale, / alza il dito verso il cielo / accarezzando / il desiderio delle rugiade…” È anche significativo il riferimento costante alla vita di tutti i giorni, alla realtà senza sotterfugi, come se il poeta volesse mostrarci a ogni passo, che la poesia è un atto quotidiano che si trova in ​​tutta la sfera di ciò che è più vicino e intimo a noi. “Tasche / con sali zuccherini” “… ti sei innamorato / delle strade senza biglietti…”

La generosità con cui il poeta lascia fluire le sue esperienze vitali si muove e si inquadra in una trasgressione alla riservatezza alla quale si riduce l’individualismo contemporaneo. Cappelloni è un idealista e nella sua proposta poetica c’è anche una doppia lettura in merito all’atteggiamento proprio dell’artista nei confronti della società che lo circonda. “Alzati dall’apatia (…) / Svegliarsi / sarà arrendersi alla vita…”

Il poeta assume tutte le letture del suo tempo senza complessi, interpretandone l’estetica e, senza dubbio, ritroviamo noi stessi nei suoi versi, cosa molto rara da riscontrare in un poeta contemporaneo. “Reciterai inutilmente / tra le ipotesi / allarmato del cuore…”

Infine, nonostante la consapevolezza che la lettura di una raccolta di poesie non arriva mai a definire tutte le sfumature nascoste nel verso, posso tranquillamente affermare che le poesie di Gastone Cappelloni sono universi pieni della primitiva purezza della vita quotidiana. Le sue sono poesie in cui il lettore non vorrà smettere di assaporare nessuna delle loro strofe, come le stelle cadenti che si susseguono lettura dopo lettura. Chi conosce la poesia di questo poeta, sa a cosa mi riferisco. E quelli che non lo hanno ancora conosciuto, ora hanno una buona opportunità per scoprirlo.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

This site is protected by wp-copyrightpro.com

error: Content is protected !!